Peru, UDC Cambiamo: lasciare chiusi centri commerciali la domenica e i festivi

-
“Chiudiamo la grande distribuzione, supermercati compresi, la domenica e nei giorni festivi, almeno fino alla fine dell’emergenza sanitaria. È una proposta che servirebbe non solo a contenere e a limitare il numero di contagi ma anche ad aiutare gli esercizi commerciali dei centri urbani, oltre che venire incontro alle esigenze dei lavoratori”. 

Lo scrive in una nota il consigliere regionale del gruppo Cambiamo UDC Antonello Peru. 
“Lo scorso mese di giugno su mia iniziativa avevamo organizzato un incontro operativo a Sassari che aveva riunito tutti gli operatori del commercio per discutere le soluzioni più idonee per un rilancio del settore. Era emerso, tra le altre cose, che nel periodo del primo lockdown i cittadini si erano abituati a fare la spesa una volta la settimana, anche online e durante i giorni feriali. Proprio il settore alimentare è tra quelli che in quel periodo non è andato in crisi, i consumi non sono diminuiti e gli acquisti sono stati distribuiti in più giorni e non si sono concentrati esclusivamente la domenica. I giorni festivi potevano e possono essere dedicati dunque allo stare insieme in famiglia al vivere le nostre comunità, i nostri centri urbani. In assenza di una competenza regionale che disciplini orari e giornate di aperture siamo ritornati alle vecchie abitudini. Ora viviamo una seconda ondata dell’emergenza sanitaria e anche senza un blocco totale di tutte le attività si può riproporre il tema della chiusura nei giorni festivi dei centri commerciali, almeno fino alla fine dell’emergenza. Riusciamo in questo modo a contenere maggiormente il numero dei contagi ma possiamo anche dare nuovamente un segnale sulla necessità di ragionare su una diversa programmazione di aperture e chiusure. E in questo contesto si deve prendere in considerazione anche il punto di vista dei dipendenti del settore costretti a lavorare anche in quei giorni che possono essere vissuti in famiglia. E infine c’è da fare una riflessione anche sulla valorizzazione dei prodotti sardi e sulle strategie per tutelarli rispetto alla concorrenza con quelli che arrivano da fuori. Lo abbiamo detto anche qualche giorno fa: importiamo troppo e questo incide in maniera pesante su tutta la nostra filiera dell’agroalimentare, senza dimenticare anche i problemi legati ai controlli dei prodotti che arrivano da tutto il mondo. In definitiva questo momento può essere l’occasione per ripensare ad una regolamentazione di tutto il settore che tenga conto di tutte le esigenze, da quelle delle imprese (dalle più piccole alle più grandi), a quelle dei lavoratori fino ad arrivare ai singoli cittadini".

Opinioni

Ciusa M5S: cosa sta facendo la regione per un rientro a scuola in sicurezza?
“Il Governo, come dichiarato dal Presidente Conte, è già al lavoro per cercare di riaprire le scuole prima di Natale. Una notizia sicuramente positiva per tutti gli studenti e gli insegnanti che oggi stanno portando avanti i programmi attraverso la didattica a distanza”. “Ma il governo regionale della Sardegna, nel frattempo, quali azioni ha ...

La CGIL scrive al presidente Solinas e alla Giunta
La situazione di emergenza sociale e sanitaria della nostra regione è ormai arrivata a un livello di gravità tale da imporre un cambio immediato di atteggiamento da parte della Presidenza e dell’intera Giunta sulle misure e le politiche da mettere in campo per fronteggiarla e per far ripartire l’intero sistema regionale. La Cgil non può...

L'aperitivo con Manuel: I divieti anti Covid in Sardegna
Con il recente decreto che ha suddiviso le regioni italiane in gialle, arancioni e rosse, sono stati introdotti numerosi divieti per limitare la diffusione della pandemia. Eccone alcuni con le norme specifiche adottate in Sardegna.  Sono vietati gli spostamenti tra comuni, a meno che non siano motivati dall...

Torino: Noi Sardi de su Disterru ai tempi del Covid
E' una lettera accorata, sentita e ricca di azione quella che Enzo Cugusi, presidente dell'associazione dei Sardi di Torino invia al tutti i presidenti dei circoli e associazioni di sardi nel mondo.  Un appello a raccontare la lontananza dalla loro terra, un appello che noi di Corriere Sardo sposiamo e pubblichiamo con affetto, per trasme...

L'aperitivo con Manuel: la Sardegna nel patrimonio UNESCO
A ottobre scorso è stata avviata la procedura per proporre all'UNESCO l'iscrizione della Sardegna nel patrimonio culturale dell'umanità. L'aspetto più rilevante a supporto della richiesta è costituito dai circa ottomila nuraghi ...

Caso discoteche: i Sardi non sono untori
Giorni neri quelli di quest’ultima settimana per la Sardegna e per i sardi. In piena crisi sanitaria, con gli ospedali che sono quasi al collasso per l’emergenza covid, il popolo sardo si trova a fare i conti, per la seconda volta con l’appellativo di “untori”.  Il tutto nasce da un’inchiesta fatta dal programma andato in...

L'aperitivo con Manuel: neologismi dalla Sardegna
Nei giorni scorsi ho molto apprezzato l'iniziativa #ciboperlamente dedicata alle curiose etimologie di alcune parole e neologismi che vengono consegnate a casa su cartoline illustrate. Vorrei dare un piccolo contributo ...

L'aperitivo con Manuel: Le conseguenze della chiusura dei bar in Sardegna
In aggiunta al ritorno dell’ora solare, anche le recenti limitazioni introdotte dal governo hanno generato sostanziali modifiche nel bioritmo dei frequentatori dei bar in Sardegna. Il decreto che anticipa la chiusura dei bar alle 18 ha di fatto inibito la movida, cioè la nobile arte spagnola del divertimento che prevede un costante movimento tra...

L'aperitivo con Manuel: i Dpcm in ottobre in Sardegna
Sono stati emanati nuovi DPCM – cioè Decreto Per Capire Meglio – con le norme di comportamento per contrastare la diffusione del Covid. Ecco alcune brevi note che illustrano come le principali regole siano state adeguate alle particolari esigenze dei residenti in Sardegna.   Limite di 30 persone per le cerimonie ...

Alghero: l'opposizione incalza il sindaco sull'emergenza Covid
Riportiamo nota integrale del centrosinistra algherese - Raimondo Cacciotto, Ornella Piras, Gabriella Esposito, Mimmo Pirisi, Pietro Sartore, Mario Bruno, Valdo Di Nolfo - che con un'interrogazione chiede spiegazioni al sindaco di Alghero Mario Conoci in merito all'emergenza Covid. Il testo dell'interrogazione è scaricabile.