Sardegna: il paesaggio dell'Isola verso l'UNESCO, le iniziative del comitato

-
La Sardegna verso l’Unesco. È racchiuso nel titolo del progetto a cura del Comitato costituito dal primo nucleo promotore dell’iniziativa finalizzata a ottenere l’inclusione del Paesaggio Culturale Protosardo nel Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, il senso della rivendicazione che la Sardegna, unita, sta portando avanti. Una battaglia di civiltà che nasce dalla presa di coscienza dell’importanza della preistoria e protostoria della Sardegna quale simbolo di identità, al pari e al degli altri valori culturali e naturali che fanno della cultura sarda una cultura unica.

Oggi come ieri la Sardegna appare come un museo aperto, ma non per questo fino a oggi ne è stato riconosciuto il valore, né è stato tutelato o adeguatamente valorizzato. Eppure si tratta di una ricchezza inestimabile di cui l’Unesco riconosce solo un manufatto (contribuendo alla notorietà del sito), ovvero il complesso archeologico di Su Nuraxi di Barumini, finora l’unico bene culturale sardo incluso nel Patrimonio dell’Unesco. Oggi la Sardegna chiede che sia posta la giusta attenzione a quel paesaggio culturale che è patrimonio di tutto il mondo, fatto di circa 8.000 nuraghi; 3.500 domus de janas, interi campi e isolati Menhir, circa 190mila torri nuragiche, tombe dei Giganti, necropoli, pozzi sacri. Attorno a questo semplice concetto si sono mosse tante menti; sono nati movimenti spontanei di cittadini; è arrivato il sostegno della politica; è cresciuto l’interesse di media, gruppi, associazioni, pagine social. 

COME NASCE L’INIZIATIVA La sterminata documentazione scientifica prodotta dalle Università, dalle Soprintendenze, dalle realtà museali centrali e periferiche, dagli uffici della Regione, dai singoli Comuni, dai centri di ricerca pubblici e privati, dalle fondazioni e dalle pubblicazioni divulgative e di letteratura archeologica e storica, dai Geoportali e dalle Mediateche ha ispirato un primo documento, che successivamentesi è trasformato nella mozione, depositata nel Consiglio Regionale della Sardegna, finalizzata a impegnare la Presidenza e la Giunta della Regione Autonoma della Sardegna a perseguire ogni iniziativa necessaria all’ottenimento del riconoscimento da parte dell’UNESCO del Paesaggio Culturale della Sardegna quale Patrimonio dell’Umanità. La mozione è stata valutata positivamente e sottoscritta da quasi tutti i consiglieri regionali, sia della maggioranza sia della minoranza. Prima di loro, a muoversi compatti, sono stati i sindaci, a dimostrazione dell’importanza di una rivendicazione che affonda le proprie radici proprio nei territori di appartenenza dei Comuni, che a gran voce chiedono di valorizzare il “tesoro della nostra terra”. Oltre 200 sindaci sardi, senza distinzione di appartenenza politica, hanno aderito all’iniziativa, e molti consigli comunali hanno approvato o hanno in corso di approvazione mozioni di analogo contenuto.

LE FINALITA’ DEL COMITATO Esiste la volontà di portare a compimento il progetto e perseguirne gli obiettivi, realizzando le strutture organizzative e dando vita alle azioni necessarie allo scopo, coinvolgendo liberamente, senza preclusioni di sorta, chiunque sia interessato a valorizzare il paesaggio culturale sardo. Una dichiarazione d’intenti che avrà necessità di un grande impegno, non solo dei promotori iniziali ma delle istituzioni e, in senso più ampio possibile, dell’intera comunità sarda e italiana. Sarà cura del Comitato Scientifico occuparsi invece dell’acquisizione dei dati necessari per il progetto con il coinvolgimento delle Università, Soprintendenze, Uffici della Regione Sarda, Comuni, Direzione e curatela dei Musei e aree archeologiche, Centri di ricerca pubblici e privati, Fondazioni, Associazioni e gli altri soggetti che possono dare un concreto apporto informativo e gestionale.

IL COMITATO PROMOTORE Si impegna a svolgere in questa prima fase il ruolo di promozione e coordinamento delle prime attività. o Organizzerà una serie di incontri di promozione del progetto, il primo per venerdì 4 alle ore 10,00 con la partecipazione degli insigni archeologi professor Giovanni Ugas e dottoressa Angela Antona; di alcuni dei sindaci aderenti e dei promotori della mozione in consiglio regionale. o L’incopntro si è svolto in diretta sul social network facebook. o Esso sarà pertanto visibile sin diretta facebook e in esso memorizzato per i giorni a venire, dai sindaci non presenti al conferenza/dialogo e da tutti i cittadini e appassionati interessati. 

Il seminario di oggi ha visto la partecipazione di Michele Cossa Interventi - "La componente scientifica del procedimento", Giovanni Ugas e Angela Antona, archeologi - "Il riconoscimento Unesco nel Modello di Sviluppo della Sardegna", Umberto Ticca - “La mozione in Consiglio Regionale", Roberto Deriu - "Il coinvolgimento dei sindaci e delle amministrazioni locali", Lucia Tidu - Francesco Mura, sindaco di Nughedu Santa Vittoria - Antonio Quartu, vicesindaco di Armungia - “L’importanza della partecipazione popolare al procedimento", Pierluigi Montalbano, scrittore.  Conclusioni: Antonello Gregorini, rete Nurnet.

Ambiente

Intesa tra Parchi: incontro tra i vertici del Porto Conte e Parco dell'Asinara
Nuova tappa nel percorso di collaborazione tra l’Azienda Speciale Parco di Porto Conte - Ente gestore del Parco di Porto Conte e dell’Area Marina Protetta Capo Caccia – Isola Piana - ed il Parco Nazionale dell’Asinara. Si rafforza il legame di collaborazione tra i parchi. Ieri mattina a Porto Torres si è tenuto l'incontro nella sede ...

Terralba: Forestale di Marrubiu recupera  esemplare ferito di Airone rosso
Il giorno 09 Ottobre 2020 Agenti della Stazione Forestale di Marrubiu, grazie ad alcuni cittadini di Terralba appartenenti alla LIPU di Oristano, hanno recuperato un esemplare di Airone rosso (Ardea purpurea). Il volatile è stato avvistato in loc. Santa Maria presso la foce del Rio Mogoro in agro di Terralba, a causa di un...

Parco di Porto Conte. Calich, tutti in bici alla scoperta della laguna
La valorizzazione e la tutela dell’ecosistema della laguna del Calich si sposa con la bicicletta. Una pedalata ecologica amatoriale suggella l’unione sabato mattina, 17 ottobre alle 09.00. “Viviilcalich, cattura la sua energia. Tutti in bici a scoprire la laguna” rientra nel progetto Retralgas, finanziato al Comune di Alghero con fondi interre...

Fermata anche la caccia alla Pernice e Lepre sarda. Vincono gli ambientalisti
Il T.A.R. Sardegna, con sentenza breve ha sospeso il decreto dell'assessore alla Difesa Ambiente che aveva aperto la caccia alla Pernice sarda e alla Lepre sarda per due giornate - 4 e 11 ottobre 2020, con un carniere potenziale complessivo per ognuno dei 35.987 cacciatori sardi di due esemplari per ogni specie animale. “La...

Parco di Porto Conte: domenica il progetto Rispetta Tua Madre
“Rispetta tua Madre”. E la mamma è Madre Terra, che genera, germoglia, fa sviluppare e accudisce. Ma come tutte le madri soffre se maltrattata. Domenica sarà il Parco a ricordare come rispettare Madre Terra e lo farà nell'ambito del progetto "Resilienti reattivi" con una mattinata dedicata alla sensibilizzazione sulle cause e gli effetti dei cambi...

Parco di Porto Conte: nidificazione del falco pescatore analizzata dagli esperti
Dopo l’eccezionale avvistamento e successiva nidificazione dell’avvoltoio capovaccaio e quella recentissima del falco pescatore avvenute l’estate appena trascorsa, il Parco regionale di Porto Conte e l’area marina protetta Capo Caccia – isola Piana diventano un caso di studio e ricerca sull’avifauna marina nel Mediterraneo occidentale.  

Stintino: al via il progetto per dare nuova vita alla spiaggia della Pelosa
Un nuovo tassello si aggiunge al progetto di tutela e valorizzazione della spiaggia delle Pelosa. Nei giorni scorsi si è chiusa positivamente la conferenza di servizi convocata dal Comune di Stintino per la valutazione degli approfondimenti richiesti dai vari enti coinvolti.  Sono arrivati, infatti, i pareri favorevoli di ...

Cagliari: il Grig lamenta un taglio sconsiderato di alberi
Il Gruppo di Intervento Giuridico fa sapere che in questi giorni il Comune di Cagliari ha comunicato che “verrà abbattuto nei prossimi giorni un ‘Pino d'Aleppo’ che poggia sul muro di cinta del complesso della Caserma ‘Carlo Alberto’ di viale Buoncammino. La decisione del Servizio Verde Pubblico è stata presa perché il pino ha perso la sua stabilit...

Stintino: "Foto trappole" contro l'abbandono dei rifiuti
L'amministrazione comunale predispone un progetto per contrastare comportamenti incivili L'amministrazione comunale di Stintino dice ancora una volta basta all'abbandono dei rifiuti sul territorio e predispone un progetto per l'installazione di telecamere. "Foto trappole" che, posizionate in punti strategici, consentiranno di individuare i respon...

Siliqua: trovato morto falco pescatore proveniente dalla Germania
Grazie alla segnalazione di un privato cittadino, il personale della Stazione Forestale di Siliqua, dipendente dall'Ispettorato forestale di Iglesias, ha individuato nei pressi del Castello Acquafredda di Siliqua un esemplare di falco pescatore morto ormai da diversi giorni. Il decesso è avvenuto con tutta probabilità a causa dell’ impatto d...