Gambero Marmorato: approvato il piano di eradicazione

-
Dopo alcuni incontri tra enti con competenza in materia di fauna e di gestione delle risorse idriche, l’assessorato regionale della Difesa dell’ambiente ha approvato il Piano di eradicazione del gambero marmorato (Procambarus fallax f. virginalis) in Sardegna. 

Si tratta di una specie particolarmente invasiva che vive lungo fiumi, canali, laghi, stagni, paludi e zone umide, anche in condizioni di particolare stress ambientale, e può spostarsi per diversi chilometri sul terreno asciutto alla ricerca di siti più adatti, determinando un elevato potenziale invasivo per gli habitat di acqua dolce ed un forte impatto sulla struttura della catena alimentare di questi ambienti. Nella primavera 2019, per la prima volta in Sardegna, nel rio Mogoro in provincia di Oristano, è stato trovato il gambero marmorizzato ed ulteriori indagini ne hanno riscontrato la presenza in tutta la provincia oristanese e nel territorio della Provincia del Sud Sardegna. 

“Le invasioni biologiche sono considerate tra le principali minacce per la biodiversità, responsabili dei cambiamenti ambientali a livello globale, – ha spiegato l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis – Oltre ad essere uno dei più gravi fattori di disturbo negli ecosistemi acquatici, generando conseguenze negative sulle specie autoctone, per esempio la predazione, il parassitismo, la diffusione di malattie. I danni causati da questa specie riguardano anche la destabilizzazione degli argini nei canali provocata dall’attività di scavo e la riduzione, o scomparsa, di specie animali e vegetali. Seguendo il regolamento europeo, che prevede una serie di divieti e di obblighi di intervento, abbiamo definito una strategia efficace di monitoraggio, di attuazione delle misure di eradicazione rapida e di controllo dei vettori di introduzione”. 

Le linee guida mettono a disposizione degli operatori coinvolti uno strumento per definire le attività: mappare la distribuzione della specie sul territorio regionale; catturare gli individui presenti; promuovere studi genetici per il riconoscimento della specie; monitorare l’efficacia degli interventi; sensibilizzare e informare sul problema della diffusione della specie. Il Corpo forestale vigilerà sulle operazioni del Piano.

Ambiente

Intesa tra Parchi: incontro tra i vertici del Porto Conte e Parco dell'Asinara
Nuova tappa nel percorso di collaborazione tra l’Azienda Speciale Parco di Porto Conte - Ente gestore del Parco di Porto Conte e dell’Area Marina Protetta Capo Caccia – Isola Piana - ed il Parco Nazionale dell’Asinara. Si rafforza il legame di collaborazione tra i parchi. Ieri mattina a Porto Torres si è tenuto l'incontro nella sede ...

Terralba: Forestale di Marrubiu recupera  esemplare ferito di Airone rosso
Il giorno 09 Ottobre 2020 Agenti della Stazione Forestale di Marrubiu, grazie ad alcuni cittadini di Terralba appartenenti alla LIPU di Oristano, hanno recuperato un esemplare di Airone rosso (Ardea purpurea). Il volatile è stato avvistato in loc. Santa Maria presso la foce del Rio Mogoro in agro di Terralba, a causa di un...

Parco di Porto Conte. Calich, tutti in bici alla scoperta della laguna
La valorizzazione e la tutela dell’ecosistema della laguna del Calich si sposa con la bicicletta. Una pedalata ecologica amatoriale suggella l’unione sabato mattina, 17 ottobre alle 09.00. “Viviilcalich, cattura la sua energia. Tutti in bici a scoprire la laguna” rientra nel progetto Retralgas, finanziato al Comune di Alghero con fondi interre...

Fermata anche la caccia alla Pernice e Lepre sarda. Vincono gli ambientalisti
Il T.A.R. Sardegna, con sentenza breve ha sospeso il decreto dell'assessore alla Difesa Ambiente che aveva aperto la caccia alla Pernice sarda e alla Lepre sarda per due giornate - 4 e 11 ottobre 2020, con un carniere potenziale complessivo per ognuno dei 35.987 cacciatori sardi di due esemplari per ogni specie animale. “La...

Parco di Porto Conte: domenica il progetto Rispetta Tua Madre
“Rispetta tua Madre”. E la mamma è Madre Terra, che genera, germoglia, fa sviluppare e accudisce. Ma come tutte le madri soffre se maltrattata. Domenica sarà il Parco a ricordare come rispettare Madre Terra e lo farà nell'ambito del progetto "Resilienti reattivi" con una mattinata dedicata alla sensibilizzazione sulle cause e gli effetti dei cambi...

Parco di Porto Conte: nidificazione del falco pescatore analizzata dagli esperti
Dopo l’eccezionale avvistamento e successiva nidificazione dell’avvoltoio capovaccaio e quella recentissima del falco pescatore avvenute l’estate appena trascorsa, il Parco regionale di Porto Conte e l’area marina protetta Capo Caccia – isola Piana diventano un caso di studio e ricerca sull’avifauna marina nel Mediterraneo occidentale.  

Stintino: al via il progetto per dare nuova vita alla spiaggia della Pelosa
Un nuovo tassello si aggiunge al progetto di tutela e valorizzazione della spiaggia delle Pelosa. Nei giorni scorsi si è chiusa positivamente la conferenza di servizi convocata dal Comune di Stintino per la valutazione degli approfondimenti richiesti dai vari enti coinvolti.  Sono arrivati, infatti, i pareri favorevoli di ...

Cagliari: il Grig lamenta un taglio sconsiderato di alberi
Il Gruppo di Intervento Giuridico fa sapere che in questi giorni il Comune di Cagliari ha comunicato che “verrà abbattuto nei prossimi giorni un ‘Pino d'Aleppo’ che poggia sul muro di cinta del complesso della Caserma ‘Carlo Alberto’ di viale Buoncammino. La decisione del Servizio Verde Pubblico è stata presa perché il pino ha perso la sua stabilit...

Stintino: "Foto trappole" contro l'abbandono dei rifiuti
L'amministrazione comunale predispone un progetto per contrastare comportamenti incivili L'amministrazione comunale di Stintino dice ancora una volta basta all'abbandono dei rifiuti sul territorio e predispone un progetto per l'installazione di telecamere. "Foto trappole" che, posizionate in punti strategici, consentiranno di individuare i respon...

Siliqua: trovato morto falco pescatore proveniente dalla Germania
Grazie alla segnalazione di un privato cittadino, il personale della Stazione Forestale di Siliqua, dipendente dall'Ispettorato forestale di Iglesias, ha individuato nei pressi del Castello Acquafredda di Siliqua un esemplare di falco pescatore morto ormai da diversi giorni. Il decesso è avvenuto con tutta probabilità a causa dell’ impatto d...