Legambiente: Olbia è ancora una città ad alto rischio idrogeologico

-
Non c’è molto da star tranquilli nella città turistica della costa nord occidentale della Sardegna, Olbia era e resta una città ad alto rischio idrogeologico. Lo denuncia Legambiente Sardegna, l’associazione ambientalista che pochi giorni fa ha mostrato un dossier contenente tutte le "opere inadeguate", esistenti già al novembre 2013, che a giudizio dell'associazione andrebbero soppresse o riprogettate per fare in modo che Olbia non finisca "sommersa dalle acque" ogni volta che scoppia un temporale. 

Sono trascorsi sette anni da quel terribile autunno, e sembra che sia cambiato molto poco o meglio, qualcosa è stata fatta ma non è sufficiente. Tutti gli studi tecnici, e non solo, su quanto accaduto ad Olbia il 18 novembre 2013 concordano sul fatto che le conseguenze disastrose di quell’ evento siano da ricondurre ad una troppo massiccia espansione edilizia, ad una cementificazione forzata di riserve naturali che ha sconvolto il paesaggio urbano e periurbano. 

"Olbia ha urgente necessità di essere messa in sicurezza da possibili altre alluvioni - sostiene Legambiente -. La prima fase di lavoro consiste nella rimozione di tombamenti, restringimenti, occlusioni che mantengono la città in allarme ogni volta che piove più del solito come è avvenuto anche il 20 e 21 aprile di questo anno. Vanno programmati al più presto i finanziamenti per il progetto generale di interventi di mitigazione del rischio idraulico”. 

La Regione ha disposto un finanziamento di 150 milioni, 13 dei quali già disponibili da alcuni anni e destinati alla rimozione delle opere incongrue. “Per non rischiare di perdere i restanti finanziamenti - precisa Legambiente - è necessario realizzare un sistema di parchi lineari che segua la trama del reticolo idrografico esistente, configurandosi come sistema di connessione verde in grado di unire i vari comparti liberi dall'edificato che si trovano lungo il corso dei canali, conferendo continuità al percorso fluviale ".

Ambiente

WWF sul blocco del PPR da parte del Consiglio dei Ministri
“Il Wwf palude alla decisione del Consiglio dei Ministri che ha deliberato di impugnare le due leggi regionali fortemente contestate dal mondo ambientalista perché avrebbero, in particolare quella sul- l’interpretazione autentica del PPR, scardinato il Piano Paesaggistico regionale - ha dichiarato Carmelo Spada delegato per la Sardegna dell’...

Piano Casa e PPR: i 5Stelle dopo lo stop del Consiglio dei Ministri
Il Consiglio dei Ministri è stato chiaro la tutela del paesaggio e di assoluta competenza statale e così a tarda notte la rivoluzione sull'urbanistica dell'isola è stata bloccata dal governo Conte. Le leggi impugnate dal governo nazionale sono legate alla violazione dell'articolo 117 della Costituzione che lascia...

GriG: 35 mila “sì” alla salvaguardia delle coste della Sardegna
"La petizione per la salvaguardia delle coste sarde finalizzata al mantenimento dei vincoli di inedificabilità costieri nella fascia dei 300 metri dalla battigia marina, stabiliti dalle normative vigenti e dalla disciplina del piano paesaggistico regionale (P.P.R.), ha superato le 35 mila adesioni. Migliaia e migliaia di cittadini chiedono a gran v...

Stintino: Legambiente e il Parco per un futuro sostenibile
Azioni da portare avanti tutti insieme, per tutelare da un punto di vista ambientale un vero e proprio paradiso come il Golfo dell’Asinara. Ma al contempo farlo diventare un valore aggiunto per tutto il territorio che va da Stintino fino a Castelsardo e oltre. Nei giorni scorsi il Circolo “L’Olivastro” di Sassari di Legambiente ha promosso un i...

La Finestra sull'Isola: Orune e Artemis Fowl
La Finestra sull'Isola di questa settimana si apre sulla bellissima fonte sacra di Su Tempiesu a Orune. Prima di addentrarci su cosa sia esattamente e perché è così importante, vogliamo raccontarvi come siamo arrivate a scegliere questo luogo. A suggerire questo sito archeologico, infatti, è stato un fotogramma dell'ulti...

Siniscola investe nello storytelling per incrementare il turismo
È online da pochi giorni ma conta già un successo in visualizzazioni il nuovo video promozionale per il Turismo del Comune di Siniscola. Un minuto e mezzo di messaggio chiaro, diretto ed emozionale dal titolo: "Siniscola verso la libertà " . Lo spot è un invito a riprendere in mano i propri spazi e poterli rivivere in sicurezza, ripercorrendo i ric...

Santa Teresa: festa per Bandiera Blu
Per festeggiare il riconoscimento della Bandiera blu 2020 a Santa Teresa oggi l'evento “Un mare da amare”, organizzato dal Comune e dall’associazione culturale Mediterraree, con la partecipazione di Gea, Mediterranea Adventure, associazione Aynat, NatourSardinia, Centro velico interforze, Orca dive club, Blu dive center e Arya. Nelle spiagge Zia Cu...

Cagliari: capofila nella sperimentazione di sistemi a tutela della salute dal 5G
5G: Cagliari capofila nella sperimentazione di sistemi a tutela della salute dei cittadini Alessandro Guarracino, assessore all'Innovazione tecnologica, Ambiente e Politiche del mare: ”Monitoraggio preventivo sul 5G per tutelare la salute dei cittadini all’interno della nuova Casa delle Tecnologie Emergenti”. In un mondo che corre al passo con l...

Goletta Verde in Sardegna: sostenibilità ambientale al primo posto
La Sardegna si siede in cattedra per insegnare sostenibilità e cura del territorio. Sono molti gli eventi in favore della tutela ambientale che, ogni anno, richiamano l’attenzione del grande pubblico. E da isolani è doveroso essere coscienziosi, attenti e costantemente informati sulle dinamiche territoriali.  “Aspettando G...

Torri eoliche al largo dell'Isola di San Pietro: l'allarme del GriG
Proseguono le indagini di tutela ambientale portate avanti dal GriG. Sotto la lente di ingrandimento è finita la Ichnusa Wind Power s.r.l., società energetica milanese che ha presentato un progetto per la realizzazione di una centrale eolica off shore, con 42 “torri eoliche” altre 265 metri, su una superficie marina di 49 mila metri quadri, a ...