Torri eoliche al largo dell'Isola di San Pietro: l'allarme del GriG

-
Proseguono le indagini di tutela ambientale portate avanti dal GriG. Sotto la lente di ingrandimento è finita la Ichnusa Wind Power s.r.l., società energetica milanese che ha presentato un progetto per la realizzazione di una centrale eolica off shore, con 42 “torri eoliche” altre 265 metri, su una superficie marina di 49 mila metri quadri, a circa 35 chilometri dalla costa dell’Isola di San Pietro e del Sulcis. La potenza prevista è di 12 MW ciascuna per complessivi 504 MW, mentre "l’impianto eolico sarà formato da due sottoparchi costituiti da 21 turbine ciascuno. La distanza geometrica minima tra le singole turbine è 1800 metri". Le “torri” eoliche saranno galleggianti, e "costituiscono un innovativo sviluppo tecnologico del settore eolico che permette di realizzare parchi eolici offshore su fondali profondi" (Floating Offshore Wind Farm – FOWF). La durata prevista della centrale eolica sarebbe di 30 anni e il cavidotto di collegamento dovrebbe approdare sulla terraferma a Portoscuso.  

Stando alle ricerche del Gruppo Intervento Giuridico al momento il progetto è stato presentato al ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare per verifica preliminare, che precede la predisposizione dello studio di impatto ambientale finalizzato alla procedura di valutazione d’impatto ambientale.  Il progetto è quindi ancora in una fase embrionale ma il Grig già si chiede "A chi serve un così rilevante quantitativo di energia, oltre a chi lo produce e ci guadagna? Attualmente oltre il 46% dell’energia prodotta in Sardegna “non serve” all’Isola e viene esportato, quando possibile, vista la limitata capacità dei due sistemi di trasporto dell’energia. Quindi- concludono dall'associazione di tutela ambientale - o tale energia andrebbe a sostituire le fonti fossili più inquinanti oppure non avrebbe alcun senso, sarebbe semplicemente dannosa al contesto socio - economico locale". 

Ambiente

Forestale: scoperta discarica abusiva ad Iglesias
Il personale dell'Ispettorato del Corpo forestale di Iglesias, nell’ambito dei servizi sul territorio mirati al contrasto delle attività illecite in materia ambientale, ha individuato, in piena campagna in località Santa Barbara in agro del comune di Villamassargia, un’area adibita a discarica grazie al monitoraggio svolto mediante l’ausilio di mez...

Incendi: oggi 12 roghi nell'isola
Ssu un totale di 12 incendi occorsi sul territorio regionale, oggi  2 roghi hanno richiesto l’intervento del mezzo aereo del Corpo forestale. Nell'incendio nell'agro del comune di Segariu in località “MONTE OLLIONI” è intervenuto un elicottero proveniente dalla base del Corpo forestale di VILLASALTO. Le operazioni di s...

Bitti: prima riunione gruppo di lavoro per il futuro del Parco di Tepilora
Nei giorni scorsi, nella sede del Parco naturale regionale di Tepilora a Bitti, si è tenuta la prima riunione operativa dei 21 esperti che compongono l’Ufficio di Piano. Obiettivo del gruppo di lavoro, costituito lo scorso mese di luglio, è quello di programmare sul piano economico, territoriale, ambientale e culturale una serie di politiche destin...

Lampis a Villamassargia: gravi danni dal maltempo
“Ho voluto effettuare un sopralluogo all’interno degli immobili comunali (Municipio, sala consiliare e biblioteca) per verificare di persona i danni che le forti piogge dei giorni scorsi hanno causato in questo territorio”. Lo ha detto l’assessore regionale della Difesa dell’Ambiente, Gianni Lampis, con delega alla Protezione civile, dura...

Quartu Sant'Elena: salvata una tartaruga marina
Salvato in località Margine Rosso, Quartu Sant’Elena, un esemplare di una tartaruga marina della specie Caretta caretta.Nella mattinata di ieri alcuni bagnanti hanno segnalato alla sala operativa del Corpo Forestale il ritrovamento di un esemplare di tartaruga Marina in difficoltà. L’esemplare, era adagiato su un fondale di circ...

Settimana europea della mobilità ecosostenibile, Olbia ci sarà
Dal 2002, la settimana europea della mobilità, ha cercato di migliorare la salute pubblica e la qualità della vita promuovendo la mobilità “pulita” e il trasporto urbano sostenibile. La campagna offre la possibilità di esplorare le strade cittadine e di sperimentare soluzioni pratiche per affrontare le sfide urbane, come l'inquinamento atmosfer...

Cagliari verso l'Unesco per il riconoscimento del paesaggio culturale regionale
Il Comune di Cagliari si muove verso l’Unesco. Insieme a oltre 150 Comuni della Sardegna che già hanno approvato l'importante atto che punta al riconoscimento del paesaggio culturale sardo, anche il Capoluogo regionale chiede all’unanimità, che venga riconosciuta la specificità storica, culturale, ambientale, espressa attraverso migliaia di manufat...

Sardegna: il paesaggio dell'Isola verso l'UNESCO, le iniziative del comitato
La Sardegna verso l’Unesco. È racchiuso nel titolo del progetto a cura del Comitato costituito dal primo nucleo promotore dell’iniziativa finalizzata a ottenere l’inclusione del Paesaggio Culturale Protosardo nel Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, il senso della rivendicazione che la Sardegna, unita, sta portando avanti. Una battaglia di civilt...

Gambero Marmorato: approvato il piano di eradicazione
Dopo alcuni incontri tra enti con competenza in materia di fauna e di gestione delle risorse idriche, l’assessorato regionale della Difesa dell’ambiente ha approvato il Piano di eradicazione del gambero marmorato (Procambarus fallax f. virginalis) in Sardegna. Si tratta di una specie particolarmente invasiva che vive lungo ...

Cala Gonone: ritorna la foca monaca
Eccezionale ritrovamento nella serata del 29 agosto scorso nel Golfo di Cala Gonone. Un’abitante del luogo durante una passeggiata lungo la spiaggia ha avvistato qualcosa di particolare sul bagnasciuga. Si trattava della carcassa di un piccolo di foca del quale erano ben evidenti il cranio e gli arti anteriori e posteriori. La donna ha quin...