Quartu: nuove misure per l'ingresso a scuola. Delunas firma l'ordinanza

-
Mascherine all’entrata e all’uscita e divieto di assembramento per i genitori, che quindi dovranno limitare la sosta nei pressi degli istituti al tempo strettamente necessario per portare o riprendere i figli. Tenendo conto dell’attuale situazione epidemiologica e anche delle indicazioni operative per la gestione dei focolai di Covid 19 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia dettate dalla Conferenza Unificata, il Sindaco ha ritenuto necessario firmare un’ordinanza con nuove disposizioni riguardanti in particolare i luoghi in prossimità dei plessi scolastici. 

Da questa mattina, in concomitanza con l’avvio dell’anno scolastico , e fino al 15 ottobre, data attualmente prevista come termine dello stato di emergenza epidemiologica, sarà obbligatorio indossare la mascherina in prossimità degli edifici scolastici di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale. Più precisamente, l’obbligo di utilizzo riguarda le aree pertinenziali e adiacenti ai plessi scolastici, nei limiti di 200 metri dagli ingressi, con riferimento agli orari di entrata e di uscita degli studenti. Restano comunque esclusi dall’obbligo i bambini al di sotto dei 6 anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso della mascherina. La stessa ordinanza vieta a genitori e accompagnatori di stazionare prolungatamente negli spazi adiacenti alle strutture. Sarà quindi necessario limitare la presenza al periodo di tempo strettamente necessario all’accompagnamento e al recupero degli studenti, evitando così ogni forma di assembramento senza il regolare rispetto del distanziamento sociale. 

“L’attuale situazione sanitaria rende necessario porre in essere tutte le azioni utili a salvaguardare la salute pubblica - spiega il Sindaco Stefano Delunas -. A Quartu il rapporto tra residenti e positivi non è altissimo, ma dobbiamo comunque continuare ad assumere comportamenti responsabili, anche per tutelare gli utenti più deboli. Per questo in via precauzionale, in aggiunta alle misure di igiene e distanza di sicurezza interpersonale, abbiamo decise di imporre l’utilizzo delle mascherine nelle zone site in prossimità degli edifici scolastici durante le fasce orarie di entrata e uscita degli studenti. Inoltre i genitori, o comunque coloro che si occupano di accompagnare i bambini a scuola, dovranno evitare o quanto meno rinviare quei momenti di socialità che spesso caratterizzano le prime giornate di scuola. La speranza resta quella di tornare alla normalità il più presto possibile”.

Cronaca

Proteste del latte: 38 allevatori indagati a rischio processo
Violenza privata aggravata, danneggiamento, blocco del traffico e sequestro di persona: queste alcune delle ipotesi di reato a carico di 38 allevatori che ora rischierebbero il processo, indagati nell’ambito dell’inchiesta sulle proteste per il prezzo del latte consumatesi ad Abbasanta nel 2019. Secondo quanto riportato dal...

Sassari: una nuova ordinanza del sindaco per aiutare gli esercenti
Il sindaco di Sassari, Gian Vittorio Campus, ha firmato una nuova ordinanza in materia di occupazione del suolo comunale per gli esercizi pubblici. Il regolamento è stato prorogato, dal 31 ottobre, fino al 15 gennaio 2021 in modo tale da venire incontro ai commercianti e ai gestori di locali e attività economiche che hanno...

Regione: fondi per le Università della Terza Età
La Giunta regionale riconosce alle Università della Terza Età un ruolo fondamentale di particolare rilevanza per la più ampia diffusione della cultura e della tradizione. Lo sviluppo della personalità e del sapere dei cittadini sardi adulti e anziani, il loro pieno inserimento nella vita sociale e culturale delle comunità i...

Lapia M5S: allarme per carenza di OSS al San Francesco di Nuoro
“I reparti ospedalieri sono in affanno per la mancanza di operatori socio sanitari ma Regione e Ats temporeggiano. I vertici della Sanità pubblica sarda procedano all’assunzione immediata di nuovi oss e alle stabilizzazioni dei precari. Trovino il modo, attraverso le procedure di mobilità, di avvicinare gli oss del nuorese e dell’Ogliastra, c...

Olbia: pit-stop tamponi Ats-Assl si trasferisce in via del Quarzo
Il Pit Stop tamponi della Assl di Olbia cambia sede: per alleggerire la pressione veicolare concentrata sul centro cittadino, la Direzione della Assl di Olbia, di concerto con l’Amministrazione Comunale, hanno stabilito di trasferire la tensostruttura in via del Quarzo, nei pressi della Cittadella della Carità e della Chiesa di San Michele Arc...

Progressisti e PD sul diritto allo studio: diminuite le borse di studio ERSU
“In piena pandemia, con i redditi delle famiglie già messi in difficoltà, apprendiamo dalle graduatorie definitive delle borse di studio Ersu che 439 studenti risultano idonei non beneficiari per mancanza di risorse disponibili”. Franco Stara, consigliere regionale di Italia Viva aderente al gruppo dei Progressisti, invita l'assessore Biancaredd...

Regione: 5 milioni alle sedi universitarie decentrate
Le sedi Universitarie decentrate della Sardegna potranno usufruire per l’anno accademico 2020/2021 di un fondo di 5 milioni e 600 mila euro. Lo ha deciso la Giunta Regionale, che ha ripartito la dotazione finanziaria a favore delle sedi Universitarie decentrate, il Consorzio per la promozione degli studi universitari nella Sardegna centrale di N...

Olbia: via della Resistenza sarà ripristinata in altro loco
“L’Anpi -associazione nazionale partigiani d’Italia- provincia Olbia Tempio, ha mandato al Sindaco Settimo Nizzi una missiva dove esprime il suo disappunto per la cancellazione di “via della Resistenza” dalla toponomastica cittadina”.  Il sindaco risponde e precisa : “Il nome, lì dove era, non si può mantenere, perch...

Olbia: protesta contro DPCM Conte, 1 novembre Molo Brin
Art.1 della Costituzione: l’Italia è una Repubblica Democratica basata sul lavoro…e voi questo lavoro ce lo togliete. Questo lo slogan della protesta che si terrà domenica 1 novembre alle ore 10.00 al Molo Brin. La manifestazione pacifica, autorizzata dalla Questura, vuole esprimere il disappunto per restrizioni  conte...

La DAD non è il vaccino per il Covid-19
La DAD non è il vaccino per la prevenzione della diffusione del COVID-19. Ne sono certi i membri del coordinamento dei Presidenti di Consiglio di Circolo e d'Istituto della Regione Sardegna che attraverso una nota smontano punto per punto le motivazioni che reggono l’implementazione della DAD al 75 e al 100%.  “La scuola non produce...